Skip to main content Skip to search

Archives for luglio 2015

FRIULI VENEZIA GIULIA SOTTO LE 5 STELLE A PRATA DI PORDENONE

 

Anche l’economia del Friuli Venezia Giulia risentirà dell’approvazione del Trattato transatlantico sul commercio e sugli investimenti (Ttip), che penalizza oltremodo le filiere produttive italiane ed europee rispetto a quelle statunitensi». A dirlo è l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Marco Zullo, che domani a Prata di Pordenone interverrà proprio per parlare del Ttip a “Fvg sotto le 5 le stelle”, iniziativa organizzata dai gruppi locali a 5 Stelle del Fvg in piazza per l’Indipendenza e l’Unità dei popoli. A chiudere la serata, alle 21.30, sarà il vicepresidente della Camera dei deputati, Luigi Di Maio. L’evento si aprirà alle 18.30 con la presentazione del Trio costituito da Max Bugani (tra i gestori della neo piattaforma per la democrazia diretta Rosseau), Stefano Patuanelli e Fabio Veronese, abili portavoce nei Consigli comunali di Bologna, Trieste e Porcia. Quattro i momenti importanti della manifestazione. Si parte con il tema “L’esperienza M5S nei Comuni” con i portavoce Manuela Botteghi (Consiglio comunale di Gorizia) e Paolo Menis (Consiglio comunale di Trieste)che spiegheranno quanto è determinante avere dei cittadini a 5 stelle nelle amministrazioni comunali, per proseguire, alle ore 19.30, parlando del “Reddito di cittadinanza” con i portavoce Daniele Pesco (Commissione Finanze della Camera dei deputati) e Cristian Sergo (Consiglio regionale Fvg) che coi colleghi in regione ha spinto la Giunta ad istituire il Sostegno al Reddito proprio in fvg. Alle ore 20.30, prima della chiusura affidata a Di Maio, interverrà il portavoce Zullo, che parlerà del Ttip. «Spiegherò come siano sempre i poteri forti, a Bruxelles, a spingere per siglare il Ttip, il famigerato trattato commerciale tra Europa e Usa che rischia di affossare le nostre Pmi, ma anche i nostri diritti e le nostre abitudini alimentari, in favore delle multinazionali», anticipa Zullo.

Read more

IMMOBILITY MANAGER

TU CHIAMALE SE VUOI #COINCIDENZE
Per il gruppo locale  Pordenone 5 Stelle non può essere una coincidenza che le dimissioni del Mobility Manager Massimiliano Manchiaro siano state consegnate il giorno successivo all’approvazione del piano regolatore. E’ evidente che in questi tre anni al servizio dell’amministrazione comunale Manchiaro non sia stato sfruttato al meglio e in questo non possiamo che unirci al coro di critiche già ampiamente sollevato dalle opposizioni durante gli ultimi consigli comunali. Lavori di ordinaria manutenzione come la minirotonda di viale Libertà o quella in via del Bosco non possono rappresentare certo il massimo della gratificazione per una figura assunta con l’obiettivo di ripensare la mobilità della città nel suo complesso. Al contrario, nei progetti cardinali per la città Manchiaro è stato ripetutamente scavalcato da una giunta che parla per slogan, o al massimo di sperimentazioni e deroghe senza un piano preciso e contestualizzato per la nostra città, come nel caso della chiusura di Via Rivierasca. Lo stesso Manchiaro a riguardo di tale progetto ha affermato: “se ne riparlerà solo dopo la realizzazione della bretella sud”.
A proposito di bretella sud, sul quale noi del MeetUp Pordenone 5 Stelle abbiamo già espresso un’opinione totalmente contraria alla realizzazione, lanciamo un’ulteriore segnale di allarme: il progetto dovrebbe collegare la A28 alla Pontebbana (all’altezza del contro commerciale Meduna), proprio in prossimità di un’ulteriore area appena dichiarata edificabile ad uso commerciale dal nuovo piano regolatore. Trattandosi di un’area già scarsamente abitata (ricordiamo che l’edificio adiacente, dove aveva sede l’OVS e Trony è scarsamente utilizzato) ci chiediamo quale possa essere l’utilità di ergere nuovi mostri di cemento se non quella di giustificare la realizzazione della stessa bretella sud. Ancora una volta, il bene dei cittadini viene sopraffatto dagli interessi delle lobby del cemento.
Gruppo Stampa
Pordenone 5 Stelle
Infoline
Fabrizio Uda
3928528944
Read more

PORDENONE 5 STELLE: NESSUNA ALLEANZA COI PARTITI, UNICA NOSTRA ALLEANZA è QUELLA COI CITTADINI!

UNICA ALLEANZA È QUELLA COI CITTADINI 
UNICO DIALOGO È QUELLO COI CITTADINI 

«Non esiste una possibilità che sia una che i 5 Stelle, in vista delle elezioni comunali di Pordenone in programma l’anno prossimo, decidano di sedersi attorno a un tavolo per valutare qualsiasi ipotesi di alleanza con i partiti tradizionali: l’unico tavolo al quale prenderemo posto sarà quello coi cittadini, coi quali è prevista l’unica alleanza possibile». A dirlo sono gli attivisti del gruppo locale a 5 stelle di Pordenone
«Per sua natura il Movimento 5 Stelle rifiuta ogni tipo di apparentamento con chi rappresenta il sistema dei partiti, che ha contribuito a portare allo sbando il Paese e, nello specifico, la nostra città – spiegano in una nota i  referenti del Meetup Pordenone 5 Stelle secondo i quali  «è davvero inimmaginabile ogni tipo di alleanza con chi in questi anni ha dimostrato poca lungimiranza nella gestione della cosa pubblica, scarsa disponibilità al dialogo e impertinente continuità con le logiche della partitocrazia. Con il Partito democratico, che secondo indiscrezioni di stampa intenderebbe “provare un confronto con il Movimento 5 Stelle”, ci confronteremo in campagna elettorale, da avversari, pronti a evidenziare come fatto in questi anni le lacune dell’amministrazione Pedrotti. L’unico nostro confronto è quello coi cittadini, coi quali proporremo una vera alternativa a questa amministrazione»..
GRUPPO STAMPA
www.pordenone5stelle.it
infoline:
Fabrizio Uda
3928528944
Read more

CHIUSURA DI VIA RIVIERASCA ? NON SENZA UN PROGETTO SERIO PER IL NONCELLO

Il gruppo locale  Pordenone5Stelle, sollecitato dalla cittadinanza e da alcuni media, torna sul tema della valorizzazione del Noncello.
Già un anno fa infatti nel corso dei primi incontri in vista delle elezioni 2016, i 5 Stelle avevano dato delle prime indicazioni sul tema e riportate sulla stampa il 30 luglio 2014.
Siamo favorevoli al recupero e riutilizzo del fiume Noncello e di tutti i corsi d’acqua cittadinidichiara l’attivista pordenonese Paolo Turchete per capire come relazionarsi col fiume in modo migliore abbiamo evidenziato 4 direttrici: pulizia e depurazione delle acque sono imprescindibili, uso fluviale a livello didattico, sportivo e anche turistico, e luogo di aggregazione anche musicale.”
“Su Via Rivierasca va detto che gli interventi urbanistici subiti negli anni di fatto rendono molto complessa una sua completa pedonalizzazioneprecisa  Luigi Scottàa meno che l’iniziativa non rientri in un ripensamento complessivo della città, che non è mai stato messo in atto da parte di chi ha governato Pordenone. Ad oggi scaricare tutto il traffico su Via San Giuliano sarebbe troppo problematico e non vediamo cosa c’azzecchi la periferica Bretella Sud (altro spreco di denaro) con questioni del centro città.”
“Quello che è certo è che l’imbarcadero – sottolinea anche l’attivista a 5 stelle  Samuele Stefanonipuò e deve diventare il luogo di aggregazione e di happening musicali, anche concerti, dato che non arrecherebbe alcun disturbo sonoro e può essere utilizzato da subito, anche senza pedonalizzazioni”.
“Altro tema di recupero del Noncello è la segnalazione degli attivisti  5 stelleè senz’altro l’area Amman, proprio perchè adiacente al fiume. È necessario attuare poltiche di recupero anche a livello di finanziamenti regionali per le aree dismesse di archeologia industriale come i cotonifici dell’Amman di Borgo Meduna e dell’Olcese di Torre”.
“Possono avvenire chiusure domenicali della Rivierasca quando il traffico veicolare è ridotto e quindi graverebbe meno sulla viabilità limitrofaconcludono i pentastellatima solo se ci sono programmi e progetti precisi di utilizzo che l’attuale Amministrazione  Pedrotti deve indicare, ma ad oggi questa programmazione nonostante la maggioranza sia sostenuta anche dalla lista Il Fiume, paradossalmemte è totalmente assente. Infatti dopo 4 anni questa amministrazione, nonostante un piano della mobilità e un Piano regolatore in approvazione non ha saputo dare soluzioni, dimostrando tutta la sua inadeguatezza di programmi e idee presentandosi fuori tempo massimo in vista della tornata elettorale”.

Read more

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi