Il gruppo locale  Pordenone5Stelle, sollecitato dalla cittadinanza e da alcuni media, torna sul tema della valorizzazione del Noncello.
Già un anno fa infatti nel corso dei primi incontri in vista delle elezioni 2016, i 5 Stelle avevano dato delle prime indicazioni sul tema e riportate sulla stampa il 30 luglio 2014.
Siamo favorevoli al recupero e riutilizzo del fiume Noncello e di tutti i corsi d’acqua cittadinidichiara l’attivista pordenonese Paolo Turchete per capire come relazionarsi col fiume in modo migliore abbiamo evidenziato 4 direttrici: pulizia e depurazione delle acque sono imprescindibili, uso fluviale a livello didattico, sportivo e anche turistico, e luogo di aggregazione anche musicale.”
“Su Via Rivierasca va detto che gli interventi urbanistici subiti negli anni di fatto rendono molto complessa una sua completa pedonalizzazioneprecisa  Luigi Scottàa meno che l’iniziativa non rientri in un ripensamento complessivo della città, che non è mai stato messo in atto da parte di chi ha governato Pordenone. Ad oggi scaricare tutto il traffico su Via San Giuliano sarebbe troppo problematico e non vediamo cosa c’azzecchi la periferica Bretella Sud (altro spreco di denaro) con questioni del centro città.”
“Quello che è certo è che l’imbarcadero – sottolinea anche l’attivista a 5 stelle  Samuele Stefanonipuò e deve diventare il luogo di aggregazione e di happening musicali, anche concerti, dato che non arrecherebbe alcun disturbo sonoro e può essere utilizzato da subito, anche senza pedonalizzazioni”.
“Altro tema di recupero del Noncello è la segnalazione degli attivisti  5 stelleè senz’altro l’area Amman, proprio perchè adiacente al fiume. È necessario attuare poltiche di recupero anche a livello di finanziamenti regionali per le aree dismesse di archeologia industriale come i cotonifici dell’Amman di Borgo Meduna e dell’Olcese di Torre”.
“Possono avvenire chiusure domenicali della Rivierasca quando il traffico veicolare è ridotto e quindi graverebbe meno sulla viabilità limitrofaconcludono i pentastellatima solo se ci sono programmi e progetti precisi di utilizzo che l’attuale Amministrazione  Pedrotti deve indicare, ma ad oggi questa programmazione nonostante la maggioranza sia sostenuta anche dalla lista Il Fiume, paradossalmemte è totalmente assente. Infatti dopo 4 anni questa amministrazione, nonostante un piano della mobilità e un Piano regolatore in approvazione non ha saputo dare soluzioni, dimostrando tutta la sua inadeguatezza di programmi e idee presentandosi fuori tempo massimo in vista della tornata elettorale”.