di Samuele Stefanoni

Nel consiglio Comunale di ieri è stato approvato il bilancio di previsione 2017.
Abbiamo presentato due ordini del giorno di cui uno molto importante relativo al bilancio partecipativo.
Vogliamo migliorare la partecipazione dei cittadini alle decisioni strategiche dell’amministrazione.
E’ una proposta che è stata approvata in molti comuni dove è presente il Movimento 5 stelle che sta riscuotendo un grande successo.
Si vincola un capitolo del bilancio di previsione alla volontà espressa dai cittadini che a mezzo di riunioni aperte al pubblico
possono decidere in modo autonomo, benchè seguito da operatori, come vogliono spendere una certa quantità di denaro inserita a bilancio.
Quest’ordine del giorno nonostante tutte le nostre premesse e la nostra buona volontà è stato rifiutato dall’attuale amministrazione che a nostro avviso
non ha realmente preso in considerazione e nemmeno compreso la bontà ed il fine ultimo di questa nostra proposta.
Vogliamo che i cittadini partecipino di più alla vita pubblica a mezzo di una capacità decisionale sulle azioni dell’amministrazione
ed invece questa proposta è stata scartata dall’amministrazione che ha affermato di aver già ampiamente condiviso e fatto partecipare i cittadini
durante la redazione del programma elettorale e che si dice in contatto quotidiano con i portatori di interesse  quali verrebbero interpellati prima di prendere delle decisioni importanti.
Queste due azioni sono per noi due cose completamente diverse e che non devono escludersi una con l’altra.
La nostra proposta è stata rifiutata ieri ma ci riserveremo l’opportunità di presentarla nuovamente in futuro e di mettere maggior enfasi
e di far capire meglio all’amministrazione qual è il nostro obbiettivo.
Nel frattempo non possiamo che constatare una grande delusione da parte di un’amministrazione che nella valutazione di questa proposta è stata troppo troppo superficiale.