di Mara Turani

Il 29 marzo si è svolta la seconda convocazione lavori per la commissione mensa, dove si è iniziato a fare il punto sulle visite alle mense delle scuole. La situazione che è emersa è buona, pur rimanendo criticità sul fare accettare le verdure ai bambini (insalata al primo posto), lo scarto del cibo e l’impossibilità di recuperarlo, la rumorosità degli ambienti. E’ stato suggerito da parte mia alcune possibilità di variazione menù (supportata anche da altri membri della commissione) o di possibilità di presentare alcuni contorni in modo diverso, per dare una “chance” a verdure che i bambini rifiutano a priori. Cambiare il menù, ho sottolineato, potrebbe automaticamente ridurre lo scarto? Ho fatto altresì notare che vengono rispettate le scelte religiose culturali di bambini e ragazzi di altre nazionalità, ma non vengono considerate scelte culturali quelle vegane. Un NO deciso da parte del consigliere delegato Alessandro Basso sull’opportunità di portare il pranzo da casa, che a Pordenone comunque, pare non attecchire. Si è parlato anche del progetto ACQUA e dei laboratori ad essa collegati, “Splash” e “Giù per il tubo” che l’insegnante Chiara Vergani della scuola IV Novembre ha portato avanti con i ragazzi e della collaborazione con l’Immaginario Scientifico e l’OGS di Trieste, da me apprezzati e sostenuti a pieni voti. L’importanza dell’acqua nella dieta del bambino e la responsabilità della conoscenza di questo elemento sempre più prezioso sono un punto importante da affrontare. Sono felice di apprendere stamane dai giornali che il Sindaco visiterà le mense; mi auguro abbia voglia di visitare soprattutto le scuole che hanno maggiori criticità, in un panorama pordenonese che comunque vanta parecchi meriti rispetto ad altre città e che ha saputo migliorarsi negli anni passati. Grazie a chi vorrà darmi suggerimenti, aiuto e idee per migliorare il servizio.