Skip to main content Skip to search

Archives for febbraio 2017

OGGI IN COMMISSIONE CULTURA DISCUTEREMO LA NOSTRA PROPOSTA #ZONESIAEFREE (28/02/2017)

di Valentina Ricciuti – Attivista Sostenitrice M5S e Movimento 5 Stelle Pordenone

Oggi in commissione cultura discuteremo la nostra proposta per istituire in città delle “ZONE SIAE FREE”.

In attesa di dell’approvazione della proposta di legge già depositata dai parlamentari del M5S che prevede una riforma complessiva della SIAE e più in generale della tutela del diritto d’autore,
proponiamo nel nostro Comune l’istituzione di zone “libere da SIAE” poiché è l’amministrazione comunale a farsi carico di tale onere, stipulando una convenzione vantaggiosa con l‘ente.

Il nostro progetto complessivo, presente nel programma elettorale redatto dai cittadini, è molto più che una misura economica che permette di superare un limite di partenza, poiché ambisce ad una vera e propria #rigenerazioneurbana mediante condivisione della #creativitàgiovanile.
Vogliamo che si ripensi e ridefinisca la vocazione di diversi ambiti urbani, facendo confluire cittadini e reti associative e valorizzando artisti, musicisti,
intellettuali e creativi in modo da ricreare un rapporto dinamico e di mutua influenza con il resto del tessuto comunale.

Per far rivivere questi spazi e dare avvio a buone pratiche creative dei giovani che sentono di poter dare qualcosa al proprio territorio, un primo passo è la predisposizione di queste aree come zone “SIAE FREE” da attuarsi con una convenzione Comune/SIAE.
Grazie al lavoro dei nostri attivisti abbiamo presentato un preventivo vantaggioso in termini di spesa che coprirà concerti fino a 4 zone diverse contemporaneamente, 1 volta a settimana per 6 mesi per un totale di circa 90 concerti.
E’ importante stringere un vero patto di comunità che durante questi mesi veda il concretizzarsi di una concessione più generosa di deroghe per il superamento dei limiti sonori, soprattutto durante le ore tardo pomeridiane in modo che le esibizioni musicali terminino prima degli usuali orari di riposo, alternando tali deroghe nei diversi luoghi individuati della città e a seconda della proposta musicale.

Ci teniamo a chiarire che questo progetto, seppur già approvato ed accolto dalla
comunità sanremese, non è né del movimento 5 stelle nè dell’amministrazione ma dei cittadini.
Vogliamo fortemente che sia integrato e disegnato insieme in modo da esser realmente condiviso e compartecipato da chiunque sia disposto a collaborare e condividere questa esperienza.
Tra i valori condivisi vi sono quelli cari al Movimento 5 stelle ossia la #sostenibilità (gli eventi devono lasciare la minor impronta ambientale
possibile) e #opensource (la direzione artistica completamente inclusiva e dal basso in cui gli artisti possano esprimersi nelle condizioni ottimali senza vincoli artistici sul genere della performance).

clicca qui per leggere la nostra proposta nel dettaglio

Read more

#SPOLPATAP

di Mauro Capozzella e Movimento 5 Stelle Pordenone

C’era una volta il Servizio di Trasporto Pubblico Urbano, rappresentato da ATAP Spa, patrimonio del Comune di Pordenone che la possiede (ancora per poco) per il 31,86%.

Quando si dice che un bene è di proprietà del Comune di Pordenone, è sotto inteso che è di proprietà dei cittadini di Pordenone, non degli amministratori della Città.

Tuttavia, all’interno di una scelta strategica importantissima come la vendita stessa di ATAP a terzi, non pare che la cittadinanza abbia voce in capitolo, né tale decisione era stata esplicitamente espressa nel programma di governo del Sindaco Ciriani in campagna elettorale.

Quindi, già stabilito che ATAP sarà venduta, si procede al suo “spolpamento”.

Il primo atto di questo lauto banchetto è avvenuto all’assemblea dei soci di lunedì 21 febbraio 2017, in cui il consiglio di amministrazione ha distribuito riserve ai soci per 5 milioni di Euro (di cui 1,6 milioni di Euro al Comune di Pordenone).

Oltre a questa prima spoliazione, del tutto normale quando i soci decidono di mollare l’osso, preoccupano anche le dinamiche interne all’azienda, soprattutto in termini di riassetti repentini di organigramma, scatti carrieristici fulminei e assunzioni senza concorso.

E per finire, ricordiamo che chi presiede la Commissione Bilancio e Partecipate del Comune di Pordenone è un dipendente ATAP.

Come Movimento 5 Stelle, noi vogliamo ricordare al Sindaco Ciriani e a tutta la giunta quanto segue:

– Che tutti gli italiani, con il Referendum del 2011, si sono espressi per NON privatizzare i Servizi Pubblici essenziali, compreso il trasporto;
– Che la Legge Madia (L. 124/2015) non parla di obbligo di vendita di Società Partecipate, ancorchè sane;
– Che gli utili di ATAP Spa vengano reinvestiti per l’ammodernamento in un’ottica eco sostenibile dei propri mezzi e l’efficientamento del servizio.

Ma per il momento, buon appetito.

Read more

NESSUNA GHIGLIOTTINA PER #DEBORTOLI, MA SEMPLICI #DIMISSIONI. PER UN #ASSESSORE #CONDANNATO SONO IL MINIMO SINDACALE PER DIMOSTRARE UN VERO E NETTO TAGLIO COL PASSATO.

di Fabrizio Uda e Movimento 5 Stelle Pordenone

De Bortoli (Forza Italia) in questo articolo: “i 5 stelle farebbero Bene a occuparsi di altro e guardare in casa loro”

Caro assessore condannato per danno erariale:

1- I 5 stelle mi risulta siano stati eletti anche a Pordenone e quindi è in casa loro che stanno guardando: qui la richiesta di dimissioni del Capogruppo M5SSamuele Stefanoni

2- A Roma nessun esponente del Movimento 5 Stelle è stato condannato, non comprendo il nesso tra la sua condanna e le dinamiche della Capitale.

3- Se a Roma, così come altrove, un eletto del Movimento 5 Stelle dovesse esser condannato, quell’eletto non sarebbe più del Movimento 5 Stelle per via del chiaro modello di autoregolamentazione che i 5 stelle hanno adottato.

4- De Bortoli lei  citando Roma inoltre non si è forse reso conto che la assessore Muraro si è dimessa solo per aver ricevuto un avviso di Garanzia, mentre lei ha subito una condanna. Piccola differenza?

Fabrizio Uda 

Attivista sostenitore M5S

Read more

PORDENONE CAMBIA? INTANTO SUGGERIREI DI CAMBIARE L’ASSESSORE DE BORTOLI

di Mara Turani

Pordenone cambia? Intanto suggerirei di cambiare l’Assessore Walter De Bortoli, condannato in appello per danno erariale, condizione necessaria per dare sostanza alle parole e per non farci credere che le intenzioni valgano più dei fatti. Dopodiché, ad ognuno di noi la valutazione necessaria sull’opportunità o meno di alcune scelte che non ci sembrano andare nella direzione del cambiamento, anzi. Una cosa per noi è sicura: fuori i condannati dal Comune di Pordenone. Come cittadino e portavoce M5S in Comune vorrei almeno avere un Assessore ai Lavori Pubblici SENZA ombre di dubbio. #DeBortoliDimettiti.

Read more

#DIMISSIONI IMMEDIATE DELL’ASSESSORE WALTER DE BORTOLI

di Samuele Stefanoni

 

La Corte dei Conti in appello ha appena #condannato cinque ex-amministratori, tra cui l’attuale #assessore ai lavori pubblici Walter #DeBortoli, a un maxi risarcimento per danno erariale nei confronti dell’#Ater.
La condanna oggi arriva come un macigno per una Amministrazione Comunale che ha appena iniziato il suo mandato promettendo un taglio netto con il passato, salvo poi mostrare le stesse debolezze dei vecchi partiti.


Condizione necessaria, ancorchè non sufficiente, per amministrare il bene pubblico, è avere le mani pulite.


Chiediamo dunque le dimissioni immediate dell’Assessore De Bortoli: fuori i condannati dal Comune di Pordenone. #DeBortoliDimettiti.

Read more

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi