Skip to main content Skip to search

Archives for marzo 2015

NESSUN “APPARENTAMENTO” TRA BIASON E I 5 STELLE – Pordenone5stelle.it

 

 #Cordenons    BIASON CHI?

«I meet up del Pordenonese non hanno avuto mai contatti diretti con il signor Biasion finalizzati a un possibile apparentamento del Movimento 5 Stelle con altri soggetti politici in vista delle prossime elezioni amministrative a Cordenons». Il Movimento 5 Stelle nega ogni possibile accordo elettorale con Gianpaolo Biasion, probabile candidato del polo centrista alle comunali nel centro pordenonese. «Precisiamo che M5S non si allea né si mescola con alcun partito, come previsto dal non-statuto del Movimento e dagli specifici articoli sulle liste civiche – spiegano gli attivisti dei meet up della provincia di Pordenone -. Diffidiamo inoltre il signor Biasion a utilizzare in qualsiasi maniera il marchio del M5S: non può esistere, né ora né mai, alcuna lista a “forti tinte pentastellate” che non sia una lista certificata del Movimento». Sulla questione interviene anche il portavoce europeo del Movimento 5 Stelle, Marco Zullo: «Il M5S non ha alcuna intenzione di collaborare né dialogare con Nuovo Centrodestra e Udc, a maggior ragione in questo momento storico, che vede Ncd investito dallo scandalo che ha portato alle tardive dimissioni il ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi – spiega Zullo -. La nostra posizione è stata chiarita abbondantemente nel corso del partecipato incontro della scorsa settimana a Pordenone, in cui il vicepresidente della Camera Di Maio ha spiegato efficacemente il livello di coinvolgimento di Lupi nella vicenda degli appalti truccati dal manager Incalza».

IMG-20150325-WA0004 IMG-20150325-WA0005

 

Read more

SEGNALAZIONE EVENTO – Luigi Di Maio e Manlio Di Stefano a Pordenone

L’Italia dell’Expo, che dovrebbe promuovere l’alimentazione sostenibile, ma finisce per strizzare l’occhio e stringere accordi commerciali con multinazionali alimentari come Coca Cola e McDonalds. E l’Italia che fa il gioco degli Stati Uniti, spingendo per il varo del Ttip, il trattato di libero scambio tra Unione europea e Usa, i cui negoziati si stanno svolgendo in un’inquietante cornice di segretezza, che estromette dai lavori persino l’Europarlamento.

L’Expo, il Ttip: cappio e iniezione letale per un Paese che rischia di “essere suicidato” dai suoi stessi governanti. Di questo si parlerà venerdì 20 marzo alle 20.30 a Pordenone, nella Sala Congressi Zuliani di viale Treviso. “Expo, Ttip e Italia: cronaca di un suicidio annunciato” è il titolo della serata organizzata dal gruppo Efdd al Parlamento Europeo e dal Movimento 5 Stelle.

Interverranno alla conferenza-dibattito:
Cristian Sergo (Consigliere regionale M5S e componente della Commissione Attività produttive)

Marco Zullo (Eurodeputato M5S e componente titolare della Commissione Agricoltura)

Manlio Di Stefano  (Deputato M5S e delegato italiano per il CdE)

Luigi Di Maio (Vicepresidente della Camera dei deputati, deputato M5S)
Modera: Stefano Patuanelli (Consigliere comunale M5S Trieste)
#DIMAIOAPN

Read more

MOBILITY 5 STARSTYLE, IL PROGETTO M5S SULLA MOBILITÀ DI PORDENONE

 I tristi episodi di cronaca che vedono sempre più ciclisti e pedoni coinvolti in incidenti stradali dimostrano una volta in più che l’idea peggiore che abbiamo avuto sia stata riorganizzare il paesaggio naturale intorno al cemento e all’uso di automobili e mezzi pesanti. Mentre negli anni ’70 si spendeva un decimo del reddito per il mezzo di trasporto, adesso il costo è aumentato a un quinto ed una delle cause è il fenomeno del “guida finché puoi”: abitare in case sempre più lontane dal centro delle città e dal posto di lavoro, rimanendo vincolati al pendolarismo.
Ma per i cittadini del Meetup Pordenone 5 Stelle c’è un’alternativa. Durante l’assemblea periodica ci si chiede: “Perchè vivere in città deve coincidere ineluttabilmente con l’esser vincolati all’automobile?” Vi sono tanti esempi vincenti di città sostenibili, più sicure e con un consumo medio di carburante pro capite più basso. Noi proponiamo, e a differenza dell’amministrazione attuale realizzeremo un’idea semplice: rendere la nostra Pordenone più percorribile a piedi.
La prima misura da adottare è quella di limitare la crescita urbana. E’ poco proficuo continuare ad aumentare il numero delle strade per far scorrere di più il traffico (ci si accinge a costruire la Bretella Sud!). E’ preferibile istituire poche strade essenziali ed investire in infrastrutture per andare a piedi, in bicicletta e con i mezzi pubblici a basso impatto ambientale. Molti pensano che questo cambiamento avrà costi esorbitanti ma noi siamo convinti che non potranno mai superare quelli della cementificazione che si continua a voler perseguire. Certo, occorre cambiare contemporaneamente lo stile di vita e la mentalità dei cittadini. Vi sono molti studi nei quali si calcola che pochi km in meno, e pochi minuti in meno alla guida equivalgono a maggior reddito per ogni cittadino. Reddito che anzichè uscire dall’economia locale potrebbe essere reinvestito.
Una Pordenone più percorribile a piedi, in bicicletta e bel collegata dal servizio pubblico ale zone limitrofe è un tipo di città in cui soprattutto le nuove generazioni vorranno risiedere. Ci si sta arrovellando sulla strategia economica da adottare per attrarre le aziende, dimenticando allo stesso tempo che è altrettanto importante ed essenziale diventare un luogo dove la gente desidera vivere. Per non parlare del fattore salute che è disarmante. Oltre a cercare di costruire un prestigioso e tecnologico distretto medico il disegno della nostra città potrebbe già costituire un fattore di prevenzione. Inutile ricordarci che il peso corporeo è legato anche all’inattività e quest’ultima èa sua volta legata al luogo in cui si risiede. Per non parlare dell’inquinamento dei gas di scarico e delle morti per incidenti stradali che ormai vengono considerate un rischio naturale! Ricordate lo spot elettorale del sindaco Pedrotti in bicicletta? E’ stato fatto davvero poco da allora. La scelta di vivere in periferia per essere più in contatto con la natura ma continuando ad utilizzare quotidianamente l’auto tutti i giorni regala, per le emissioni di CO2, il podio di cittadini meno ambientalisti. Noi 5 stelle non demonizziamo a prescindere le città ma troviamo il modo per renderle più verdi ed essere più vicini all’ambiente nel modo giusto. Non abbiamo paura di dire ai Pordenonesi che la vera soluzione è cambiare stile di vita. Essere sostenibili alza la qualità della vita di tutti. In molte città nel mondo lo stanno facendo e non occorre aspettare di esaurire le alternative
Gruppo Stampa M5SPN
Read more

IL 7 Marzo a Pordenone #LEBUGIEDELLEUROPA

Dalle regalie alle multinazionali allo scippo della sovranità monetaria degli Stati membri, passando per le dinamiche che stanno alla base dell’erogazione dei fondi comunitari. #Lebugiedelleuropa è il titolo dell’incontro organizzato dal gruppo Efdd del Parlamento europeo, in programma nella sala del Consiglio provinciale di Pordenone sabato 7 marzo a partire dalle 18.30. Ad animare il dibattito saranno gli interventi dei portavoce europei Marco Valli, Marco Zanni e Marco Zullo, moderati dal portavoce del Movimento 5 Stelle in Consiglio comunale a Trieste, Stefano Patuanelli, tra i primi firmatari della proposta di legge di iniziativa popolare per istituire il referendum consultivo per l’uscita dall’euro e il ritorno alla moneta nazionale

"#noausterity"

Marco Valli – Marco Zanni – Marco Zullo

I tre portavoce del gruppo, a sette mesi dall’inizio della legislatura offriranno la propria versione dei fatti sulle dinamiche proprie delle istituzioni e degli organismi europei, scoperchiando un po’ di pentole messe sul fuoco da chi ha interesse a sfruttare i giochi di potere. «Spiegheremo il nostro approccio all’Europa – spiega Zullo – e perché secondo noi questo sistema, così com’è, non può stare in piedi, fragile castello di carte dal destino non solo incerto, ma già segnato. Un’Europa così costruita non ha le basi, economiche ma neppure sociali e culturali, per stare in piedi: e a farne le spese, come al solito, sono i cittadini, che pagano per gli interessi di pochi».

CLICCA QUI PER SEGNALARE LA TUA PARTECIPAZIONE ALL’EVENTO

Read more

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi