Skip to main content Skip to search

Archives for febbraio 2015

OGM , Zullo e Veronese (M5S): “A Porcia il PD vota contro linea nazionale e regionale”

#INCOERENZADELPD 
«A Milano la giunta comunale, a forti tinte pd, vota a favore della mozione per inserire esplicitamente nella Carta di Milano dell’Expo la contrarietà agli Ogm. A Porcia, che ha pure più interessi agricoli rispetto al capoluogo lombardo, la maggioranza pd che governa ha votato contro la mozione anti-Ogm presentata dal Movimento 5 Stelle lo scorso 18 dicembre: è sintomatico di come il Pd neghi strenuamente il dialogo con le altre forze politiche, a prescindere dai contenuti e a discapito del benessere dei cittadini». A denunciarlo sono il portavoce europeo del Movimento 5 Stelle, Marco Zullo, e il consigliere comunale pentastellato Fabio Veronese.

10368201_704678959591692_6593470421281298571_n

Fabio Veronese Portavoce M5S nel Consiglio Comunale di Porcia e Marco Zullo Eurodeputato M5S

«E’ evidente come il Pd di Porcia e l’accoppiata Gaiarin-Moras si adoperino per bocciare sistematicamente tutte le proposte presentate dal M5S in Consiglio comunale accusa Veronese -, dimostrando una volta di più tutta l’ideologia oltranzista dell’attuale giunta. Manca una linea, insomma, se a Milano i dem votano contro gli Ogm e a Porcia compiono una scelta opposta, a riprova della totale inadeguatezza e impreparazione dell’esecutivo in carica».

Per Zullo, «l’atteggiamento della maggioranza antepone gli interessi di partito a quelli della cittadinanza, con un’azione anacronistica rispetto alla tendenza del resto della regione: molti Comuni hanno già scelto di diventare Ogm free, seguendo peraltro la linea della Regione, pure questa a maggioranza pd, che ha varato una moratoria alla semina di organismi transgenici sul territorio del Fvg. A questo punto conclude l’eurodeputato la giunta Gaiarin esca allo scoperto e prenda posizione sulla questione».

«Peraltro, la mozione che il Pd ci ha bocciato riprende Veronese comprendeva anche una sensibilizzazione alla corretta educazione alimentare e all’indicazione di eventuali presenze degli Ogm nei prodotti distribuiti nelle mense scolastiche, a ulteriore riprova di come il provvedimento fosse strettamente legato alla quotidianità di centinaia di famiglie purliliesi».

GRUPPO STAMPA
Pordenone5stelle.it  e Movimento 5 Stelle Porcia

 

Read more

La “decrescita infelice” di Pordenone – #M5SPN

cropped-1800366_10152992749166844_9114195959094478438_n1.jpg

#decrescitainfelice

In un periodo di profonda crisi economico-sociale ci sono affermati studiosi che propongono soluzioni di vita serena, come il prof. Latouche, economista e filosofo francese docente alla Sorbona, che fa riferimento a modelli economici e sociali che vedono nella decrescita la soluzione dei problemi del pianeta. Questa teoria è detta della “decrescita felice” proprio perché tale percorso è voluto, guidato, non inatteso o subito.
“Ebbene Pordenone al contrario pare essere diventata in questi ultimi anni la bandiera della “decrescita infelice”, icona della decadenza postindustriale, sociale e culturale”. E’ questo il pensiero degli attivisti del Meetup 5 Stelle Pordenone, che settimanalmente si riuniscono al Caffè Municipio per discutere della città e studiare proposte di governo alternative.
Ma non occorre essere” grillini “per capire che i botta e risposta tra Bolzonello e Ciriani, i quali come in una partita di beach volley si passano la palla delle responsabilità delle scelte non fatte o sbagliate, non sono altro che l’implicita ammissione proprio di quelle responsabilità.
“E soprattutto – si chiedono gli attivisti pentastellati – i cittadini di Pordenone sono così autolesionisti da volere immaginare una città che ancora una volta ha gli stessi presidenti di Fiera, Camera di Commercio, Atap, Gsm, Hydrogea e chi più ne ha più ne metta?

E’ possibile che i cittadini desiderino ipotecare il proprio futuro favorendo questo modo di fare politica, queste logiche conservative e oramai degenerative, e soprattutto prive di visione del futuro? “
Per fortuna è possibile pensare finalmente a qualcosa di diverso. In città la novità c’è eccome, c’è il Movimento 5 Stelle che si sta proponendo con facce nuove, persone prive di scheletri nell’armadio, programmi condivisi e profondamente diversi dal passato.
foto di Livio Cossutta.
“La differenza è sostanziale “ affermano gli attivisti del Meetup Pordenone 5 Stelle “noi abbiamo già iniziato a discutere del programma per la città e lo faremo arrivando a fine anno con un documento frutto di un lavoro profondo e partecipato, poi i candidati saranno l’ultima cosa, scelti dalla base e sulla base delle regole del Movimento”. Esattamente il contrario di ciò che avviene in ogni altro partito in cui c’è prima di tutto la corsa alla poltrona, poi nel tempo che avanza si scrive anche il programma.
“Ma la novità nella novità per molti pordenonesi “ concludono gli attivisti del gruppo locale fondato dall’europarlamentare Marco Zullo, è che qualsiasi cittadino già da oggi può partecipare liberamente assieme a noi alla ri-costruzione della nostra Pordenone, sfruttando una straordinaria occasione, cioè quella di scrivere di proprio pugno una parte del programma sapendo per una volta di essere ascoltato.
wp_ss_20150207_0003[1]

IL GAZZETTINO del 7.02.15

GRUPPO STAMPA M5SPN
Read more

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi